Di fronte alle sfide di COVID-19, i Rotary club e le organizzazioni partner stanno trovando nuovi modi per sostenere l’accesso all’istruzione.


a cura di

Riconoscendo che l’istruzione è una via d’uscita dalla povertà, il Rotary e altre organizzazioni hanno fatto progressi significativi nell’aumentare l’accesso all’apprendimento nelle comunità di tutto il mondo.

I genitori già titubanti a mandare i loro figli a scuola non faranno altro che alzare le mani e non li manderanno



Ora, la pandemia COVID-19 minaccia la perdita di tanti progressi realizzati finora. Secondo le Nazioni Unite, oltre il 91% degli studenti di tutto il mondo è stato colpito dalla chiusura temporanea delle scuole. Ad aprile, quasi 1,6 miliardi di giovani studenti hanno abbandonato la scuola.

Alcuni esperti temono che la chiusura delle scuole e la perdita del reddito familiare possano tenere i bambini fuori dalla scuola a tempo indeterminato. “Abbiamo lavorato tanti anni per far entrare i bambini a scuola, per farli iscrivere e farli restare nelle aule”, ha dichiarato Carolyn Johnson, socia del Rotary del Maine, USA, che aiuta i Rotary club a progettare sovvenzioni a sostegno dell’istruzione. “Questo riporterà indietro di anni questi sforzi”.

“I genitori già titubanti a mandare i loro figli a scuola non faranno altro che alzare le mani e non li manderanno”, ha aggiunto. “Stanno letteralmente morendo di fame e hanno bisogno dei soldi che i loro figli possono portare a casa se vanno a lavorare”.



  • 91.00%

    degli studenti di tutto il mondo è stato colpito della chiusura temporanea delle scuole


Mary Jo Jean-Francois, responsabile dell’area d’intervento Alfabetizzazione e educazione di base del Rotary International, ritiene che l’impatto della pandemia sull’istruzione continuerà a lungo dopo lo sviluppo di un vaccino antiCOVID-19.

“Molti bambini sono ad alto rischio di non ritornare più a scuola”, ha dichiarato. “Questa è un’enorme preoccupazione per la comunità educativa”.

L’educazione non è un compito facile

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, un progetto per la creazione di un mondo più giusto, ha indicato come quarto obiettivo “l’istruzione di qualità”. Uno di questi obiettivi è garantire che entro il 2030 tutti i bambini abbiano i mezzi per completare “un’istruzione primaria e secondaria gratuita, equa e di qualità”.

È un obiettivo enorme. Anche nei periodi migliori, educare i bambini è molto più complesso che farli entrare a scuola. Gli insegnanti sono regolarmente formati? I bambini hanno accesso a un’alimentazione adeguata? Sono fisicamente sani e in grado di imparare? La scuola dispone di servizi igienici adeguati? Esiste un modo sicuro e affidabile per gli insegnanti e i bambini di andare a scuola? Ci sono problemi a casa? I genitori possono aiutare a fare i compiti? Il bisogno di reddito della famiglia comporta che lo studente vada a lavorare invece di andare a scuola?

La chiusura della scuola, la perdita di posti di lavoro e la necessità del distanziamento fisico hanno complicato ulteriormente le cose.

Fortunatamente, il Rotary ha una lunga storia di problemi che riguardano le questioni più impegnative del mondo. I soci, alcuni con anni di esperienza nel campo dell’istruzione, stanno affrontando i bisogni che ci attendono.

A Città del Guatemala, Guatemala, i Rotary club stanno collaborando con i club degli Stati Uniti e del Canada per aiutare i bambini e le loro famiglie che vivono con quello che trovano nell’enorme discarica della città. Il progetto è solo un esempio di organizzazioni che fanno perno sulle sfide imposte dalla pandemia, compreso il sostegno all’apprendimento a distanza.

Opportunità per i bambini più poveri

L’associazione Cammino sicuro, o Camino Seguro, è stata fondata 20 anni fa da un insegnante degli Stati Uniti per offrire tutoraggio, spuntini nutrienti e assistenza ai bambini più poveri, nonché un centro di accoglienza per i bambini che andavano a lavorare alla discarica. Sostenuto dai Rotary club che hanno fornito risorse e formazione per gli insegnanti, il programma ha continuato a crescere e ora include diverse scuole per bambini dalla scuola materna fino alla terza media.

Trae Holland, direttore esecutivo dell’associazione, ha dichiarato che il programma utilizza un modello di apprendimento incentrato sullo studente, basato sull’indagine e che pone l’enfasi sulle esperienze e la partecipazione.

“La ricerca è molto chiara su questo punto”, secondo Holland. “Per le popolazioni emarginate e a rischio, non si può semplicemente mettere un bambino in un’aula e fornirgli una lezione”. Devono sperimentare l’apprendimento in prima persona”.

Servizi aggiuntivi forniscono nutrizione e consulenza ai bambini e alle loro famiglie. Le madri possono imparare l’artigianato e le capacità imprenditoriali. E un programma di educazione per adulti insegna ai genitori come poter aiutare i figli a fare i compiti a casa.

Quando la pandemia ha raggiunto Città del Guatemala a metà marzo, i funzionari avevano chiuso la discarica e l’associazione Camino Seguro ha dovuto reinventare i suoi piani di punto in bianco.

“La nostra risposta immediata alle emergenze ha incluso una triade di bisogni – cibo, medicine e un modo per comunicare con le famiglie”, ha spiegato Holland.

Tre bisogni principali

Per fornire cibo agli studenti e alle loro famiglie, Camino Seguro ha contattato Esther Brol, socia del Rotary Club del Guatemala La Reforma, che ha coordinato un massiccio programma di distribuzione di cibo in tutta la città con la sua rete di Rotary club e la United Way. I Rotary club raccolgono fondi per acquistare cibo nutriente e confezionare gli articoli per la consegna. I sacchetti di cibo hanno raggiunto finora 40.000 persone, tra cui più di 400 famiglie che lavorano nella discarica.

Altri Rotary club hanno donato dei soldi in modo che Camino Seguro potesse acquistare delle tessere alimentari ricaricabili che le famiglie possono usare nei negozi alimentari.

Per aiutare le persone ad accedere all’assistenza sanitaria anche a cliniche chiuse, Camino Seguro ha creato un programma di telemedicina – il primo del suo genere in città. I farmacisti che collaborano accettano le foto delle prescrizioni scritte che vengono inviate ai genitori via smartphone. Le famiglie hanno formato piccoli gruppi per condividere lo smartphone con altri che non ne hanno uno.

Ma il più grande cambiamento è stato la comunicazione con le famiglie e il suo effetto sull’educazione.

“Abbiamo perso la nostra risorsa più importante, il contatto faccia a faccia con i nostri studenti e l’apprendimento pratico”, spiega Holland. “È facilmente la cosa più impegnativa che abbiamo dovuto fare, reinventare il nostro piano didattico in una nuova forma utilizzando gli strumenti a cui le nostre famiglie avevano accesso”.

Gli insegnanti usano i piani finanziati dalle donazioni dei Rotary club per registrare le loro lezioni sullo smartphone da inviare alle famiglie. I bambini ricevono pacchetti di compiti insieme al pacco alimentare consegnato a domicilio che includono esperimenti da fare a casa. Gli studenti possono usare WhatsApp per inviare domande sui loro compiti a casa agli insegnanti. Gli insegnanti usano la segreteria telefonica per rispondere alle domande e inviare foto di soluzioni ai problemi di matematica.

“Non è ottimale”, afferma Holland, “ma l’orgoglio degli insegnanti per essere in grado di evolvere così rapidamente con gli strumenti a disposizione è immenso”.

Apprendimento a distanza e tecnologia

Come molte scuole di tutto il mondo, la pandemia ha costretto l’associazione Camino Seguro ad affrontare un tema di cui si discute da anni: come integrare al meglio l’apprendimento online o a distanza nei piani didattici. La maggior parte dell’apprendimento a distanza riguarda la tecnologia come i tablet. Ma la mancanza di accesso a Internet in questa zona, così come le preoccupazioni per la sicurezza come i furti, scoraggiano la distribuzione di tecnologia agli studenti per l’apprendimento remoto.

Secondo Holland, gli studenti saranno svantaggiati sul posto di lavoro di oggi se non avranno accesso agli strumenti digitali. Allo stesso tempo, gli studenti traggono i maggiori benefici quando la tecnologia è integrata nell’intero programma scolastico, e non solo fornita attraverso la distribuzione di massa di computer portatili.

“L’apprendimento misto è una combinazione tra la tecnologia e l’apprendimento faccia a faccia in aula”, spiega Holland. “Non è una soluzione affibbiata”. Se si guarda alla tecnologia come una figata, e si affibbia un piano didattico esistente, siamo in grossi guai”.

Se si guarda alla tecnologia come una figata, e si affibbia un piano didattico esistente, siamo in grossi guai



Jean-Francois è d’accordo.

“Molte borse di studio includeranno l’acquisto di computer portatili o tablet”. Ma l’istruzione è molto più complessa”, chiarisce. Dobbiamo usare questo tempo e appoggiarci agli insegnanti per svilupparne di nuovi, in modi a cui non abbiamo mai pensato prima”. Non possiamo dare per scontato che se diamo loro un tablet e le istruzioni, sapranno come usarlo, e non dobbiamo aspettarci che sappiano come insegnare efficacemente ai bambini tramite esso”.

Con l’imprevedibilità della pandemia, molte scuole prenderanno lo stesso tipo di decisioni nel prossimo anno. Ma Johnson, il Rotariano che aiuta i club a progettare le sovvenzioni per l’istruzione, mette in guardia dal muoversi troppo velocemente per “reinventare la ruota”.

“Dobbiamo capire, ma capire un passo alla volta”, dichiara Johnson. “Bisogna sapere cosa le persone sono in grado di accettare e usare – cognitivamente, socialmente ed emotivamente”. Determinarlo e poi andare avanti”.


Source link

Rotary Poggio Renatico

Author Rotary Poggio Renatico

More posts by Rotary Poggio Renatico

Leave a Reply