Durante l’epidemia, i soci continuano a trovare modi per connettersi, affrontare problemi e prendersi cura l’uno dell’altro e delle persone nelle comunità in cui operano.


A cura di

Distanziamento sociale, quarantena e lockdown, tutti necessari per ridurre la diffusione del COVID-19, aiutano a proteggerci, ma portano anche ad isolarci, creando una sensazione di solitudine e ansia.

Sylvia Whitlock, Rotary Club di Claremont, California, USA


I Rotary club stanno raccogliendo la sfida di mitigare questi effetti negativi, sia nei club che altrove e, mentre si impegnano, trovano nuovi modi per fare service.

La scienza della connessione

L’isolamento fisico, aggravato dallo stress della crisi sanitaria e dal suo sconvolgimento della vita quotidiana, sta avendo un impatto psicologico. The Lancet, un’importante rivista medica, ha pubblicato una recensione di studi precedenti che hanno riscontrato un’alta incidenza di irritabilità, depressione ed esaurimento emotivo nelle persone in quarantena. Un altro studio recente, incentrato sulla Cina all’inizio del 2020, ha rilevato che l’ansia è aumentata durante le quarantene, soprattutto tra gli anziani, che sono propensi a vivere da soli.

Perché soffriamo psicologicamente quando siamo fisicamente isolati? Per Sylvia Whitlock, terapista matrimoniale e familiare semipensionata e socia del Rotary Club di Claremont, California, la risposta è semplice: “L’isolamento è uno stato che produce stress, poiché uno dei nostri bisogni umani è di avere dei legami”.

L’isolamento è uno stato che produce stress, poiché uno dei nostri bisogni umani è di avere dei legami



Rotary Club di Claremont, California, USA

La capacità di connettersi è in noi, secondo Mary Berge, una psicologa del Rotary Club di Johnstown, Pennsylvania, USA. “L’ossitocina, rilasciata quando si abbraccia qualcuno, viene rilasciata anche attraverso il legame sociale”, ha spiegato Berge. Quando l’ossitocina viene rilasciata, questi legami sociali si rafforzano.

Queste sostanze chimiche che fanno sentire bene — prodotte anche attraverso atti di altruismo — non necessariamente smettono di fluire, anche in isolamento, continua a spiegare Berge, che fa regolarmente esercizi di sorriso con i suoi clienti ansiosi o stressati. Questi esercizi possono produrre risultati proprio come fanno i sorrisi veri.

“La scienza ci dice che il tuo cervello non sa se è finto, forzato o reale. Avverte solo l’azione di quei muscoli che indicano ‘sorriso!’ e rilascia soprattutto dopamina”, afferma Berge.

La scienza ci dice che il tuo cervello non sa se il sorriso è finto, forzato o reale



Rotary Club di Johnstown, Pennsylvania

Strumenti per la sopravvivenza

La stessa pandemia che ci ha separato gli uni dagli altri può anche insegnarci come diventare più legati. Whitlock è convinta che le riunioni di club online contrastino gli effetti negativi dell’isolamento. Questi incontri virtuali ci permettono di vedere i volti di amici e di assicurarci che tutto vada bene.

Quando i dirigenti del Rotary Club di Roma Polis, Italia, avevano parlato ai soci del loro club durante i primi giorni della pandemia, hanno notato tanta tristezza ed ansia, secondo Niccoló Di Raimondo. Durante la prima riunione virtuale all’inizio del lockdown, la socia Valentina Silvestre, psicologa, aveva fornito dei consigli su come prendersi cura di se stessi durante la pandemia, pianificare e utilizzare al meglio il proprio tempo, godere di piaceri semplici come la lettura e la musica, e rimanere fisicamente attivi.

“Il consiglio principale era di vivere l’esperienza dell’isolamento come un momento di riflessione personale, un’opportunità per dare importanza alla condivisione dei momenti con i familiari”, ha spiegato Di Raimondo.

Secondo Whitlock riformulare il modo in cui pensiamo all’isolamento fisico può ridurre l’ansia. “Sappiate che non siete soli. Distanti, forse, ma non isolati”, conclude.

La pandemia ha sconvolto anche la vita dei giovani. Molti studenti dello Scambio giovani del Rotary che avrebbero dovuto esplorare nuove culture si sono ritrovati chiusi in casa nel 2020. E dopo la chiusura delle scuole a causa della pandemia, i club Interact non hanno potuto incontrarsi come al solito. 

In casa

Anniela Corracedo, studentessa dello Scambio giovani del Venezuela, ha visto un’opportunità per aiutare; ha fondato Rotary Interactive Quarantine, un sito web che collega i giovani del Rotary in tutto il mondo in modo che possano condividere le idee dei progetti e fornire supporto emotivo reciproco. In collaborazione con il Distretto 6840 negli Stati Uniti, il sito ospita riunioni che hanno aiutato più di 500 giovani del Rotary provenienti da 55 Paesi a stringere nuove amicizie.

Samantha Walley, una delle consulenti del sito e socia del Rotary Club di Bay St. Louis, Mississippi, USA, ha affermato che quello che era iniziato come un progetto a breve termine per mantenere gli Interactiani e gli studenti dello Scambio giovani del Rotary impegnati nel servizio e ridurre l’isolamento sociale ha avuto un tale successo che prevedono di continuare ad aggiornare il sito anche dopo la fine della pandemia.

“[È] diventata una piattaforma internazionale per i giovani del Rotary per lavorare insieme per coordinare i progetti di service globale e le iniziative di pace”, ha dichiarato Walley.

Abbiamo aiutato le persone, per lo più anziane, ad acquistare cibo e altre provviste o semplicemente ad essere disponibili per la conversazione



Rotary Club di Djursholm, Svezia

“Volevamo semplicemente parlare”

I soci hanno anche trovato opportunità per allacciare relazioni oltre i loro club sostenendo le persone sole e isolate nelle comunità in cui operano, in particolare la popolazione anziana vulnerabile. 

“Abbiamo aiutato le persone, per lo più anziane, ad acquistare cibo e altre provviste o semplicemente ad essere disponibili per la conversazione”, ha dichiarato Margit Svenson del Rotary Club di Djursholm, Svezia. Per ragioni di sicurezza, i soci anziani chiamavano persone isolate per parlare, mentre i soci di età inferiore ai 65 anni acquistavano cibo e provviste. È stato un progetto semplice che ha lasciato molti ispirati.

“Non solo la risposta delle persone isolate è stata incredibilmente positiva a ciò che ha fatto il nostro Rotary club, ma anche il Comune di Danderyd, diverse altre organizzazioni e i giornali locali hanno prestato attenzione elogiando il nostro progetto”, ha dichiarato Svenson. La Croce Rossa locale e la Chiesa di Danderyd hanno seguito il primo esempio del Rotary lanciando iniziative correlate, ha aggiunto.

Anche i club di tutta la Spagna, gravemente colpiti nei primi giorni della pandemia, hanno intrapreso progetti di consegna a domicilio coordinati dai Distretti 2202 e 2203. Quando i volontari hanno effettuato le consegne, hanno scoperto che le persone desideravano l’interazione umana tanto quanto il pane fresco del panificio.

I soci del Rotary in Spagna si sono messi in contatto con anziani per telefono.


“La solitudine è stata una delle patologie durante questa pandemia”, ha dichiarato Marian Domenech del Rotary E-Club del Distretto 2202. “Anche quando abbiamo chiesto loro se volevano aiuto da uno psicologo, hanno risposto che desideravano solo parlare”.

Questo era un desiderio condiviso da molti dei 141 soci e dai loro amici che si sono offerti volontari. “C’erano Rotariani che si trovavano nella stessa situazione, volontari che si sono uniti al progetto e sono stati formati”, ha dichiarato Domenech. “La maggior parte di loro ha capito perché conoscevano le sensazioni, le paure e la solitudine”.

Domenech ha detto che il progetto, che per ora è sospeso, ma che sarà ripreso se necessario, è stato pianificato a distanza, dalla stampa di manifesti alla promozione del progetto nella comunità, alle chiacchierate telefoniche con i beneficiari. “I 351 anziani che ci hanno chiamato hanno avuto modo di conoscere un po’ il Rotary, e molti di loro ci hanno chiesto chi eravamo e cosa facevamo”, ha riferito Domenech. “E ci hanno ringraziato dal profondo del loro cuore”. 

Al centro della pandemia

Per intere settimane, l’Italia del nord è stata al centro della pandemia. A Milano, il Rotary Club di Milano Europa ha aiutato alcuni degli individui più isolati, i pazienti di COVID-19 ricoverati in ospedale, molti dei quali terminali. Attraverso il progetto Rotary Connette, il club ha acquistato 136 tablet e li ha distribuiti a 18 ospedali e case di cura, consentendo a oltre 1.500 pazienti di vedere e parlare con i loro cari che non potevano visitarli. Nell’ambito del progetto, alcuni musicisti hanno dato concerti di musica classica virtuali che hanno aiutato a calmare i pazienti.


Source link

Rotary Poggio Renatico

Author Rotary Poggio Renatico

More posts by Rotary Poggio Renatico

Leave a Reply